CBD e Parkinson, usare la cannabis light o l'olio come rimedio naturale

Aggiornato il: 30 nov 2019

Il Parkinson è un disturbo nervoso degenerativo che colpisce principalmente il sistema motorio. Prende il nome dal dottor James Parkinson, che ha pubblicato un dettagliato saggio sulla malattia nel 1817. I sintomi più comuni e più visibili della malattia hanno a che fare con la funzione motoria. I sintomi di solito iniziano con lievi tremori alle mani o agli arti per poi diventare più violenti diffondendosi in tutto il resto del corpo.


I tremori del Parkinson sono anche accompagnati da una generale lentezza nel movimento. Il tremore rallenta la pianificazione motoria - la capacità del corpo di pianificare ed eseguire i movimenti motori in modo drastico. Come risultato, praticamente tutte le attività quotidiane sono influenzate negativamente. Fare il bagno, vestirsi, mangiare e i rituali di igiene sono tutti resi molto più difficili.


Curare il morbo di parkinson con il CBD

La rigidità e la instabilità posturale sono gli ultimi due tipi di sintomi del Parkinson. La rigidità è definita come rigidità muscolare generale e forte resistenza al movimento. L'instabilità posturale è categorizzata dal movimento instabile provocando cadute accidentali regolarmente.


Il morbo di Parkinson può anche causare disturbi cognitivi e comportamentali, così come alterare il pensiero. Le forme più importanti di instabilità cognitiva associate al morbo di Parkinson sono i disturbi della pianificazione quotidiana, il pensiero astratto, il controllo degli impulsi e l'elaborazione ambientale. La demenza non è sempre un sintomo del Parkinson, ma si verifica frequentemente in congiunzione con la malattia. Più comunemente, la demenza aumenta la sua potenza con l'età. Nel caso del Parkinson, la demenza aumenta anche con la durata della malattia iniziale. Alcuni pazienti affetti da Parkinson soffrono anche di disturbi d'ansia, depressione e disturbi ossessivi compulsivi.


Non esiste una cura per il morbo di Parkinson. Storicamente, la malattia è stata gestita con una combinazione di farmaci, chirurgia e terapia fisica. A seconda del paziente, il trattamento può essere solo una di queste opzioni, o includere tutte e tre. Fortunatamente, un sacco di nuove basi sono attualmente in fase di sviluppo del trattamento della cannabis e del CBD per il parkinsonismo.


La storia di successo più virale della malattia di Parkinson è quella di Larry Smith, un paziente che ha trovato risultati incredibili dopo aver provato per la prima volta l'olio CBD. In un video virale, Larry viene visto sia prima che dopo aver assunto olio di cannabis. Dopo quattro minuti, i tremori di Larry si sono attenuati, ed egli è anche in grado di cantare e tenere una nota prolungata, cosa che chiaramente non era stato in grado di fare per molto tempo. La storia di Larry può non essere indicativa di ogni paziente di Parkinson, ma dimostra il potenziale non sfruttato che esiste per trattare il Parkinson con olio CBD. Uno studio in Israele ha riferito allo stesso modo che la cannabis ha quasi rimosso i sintomi dei pazienti affetti da Parkinson.


Rapporti aneddotici del CBD che alleviano i sintomi del Parkinson sono praticamente immediati, ma ulteriori ricerche indicano anche che non si tratta di un colpo di fortuna. C'è una scienza certa su cosa succede tra il Parkinson e la cannabis. Alcuni scienziati adottano l'approccio neuroprotettivo, suggerendo che i cannabinoidi salvano i neuroni che causano danni significativi del Parkinson. Una delle funzioni primarie del sistema endocannabinoide è quella di regolare la durata della vita di una cellula.

#CBD #cura #malattiadiparkinson #naturale #senza #effetti #collaterali #riduce #tremori #qualità #vita #migliore #cannabis #legale


0 visualizzazioni