COME SAPERE SE È CANNABIS DI QUALITÀ E 4 MODI PER RICONOSCERLA

Aggiornato il: mag 18

L'utilizzo della cannabis CBD non è difficile, solo una volta che si inizia a conoscere e ad interessarsi veramante alla pianta e si hanno avuto esperienze diverse con essa, si iniziano a vedere e percepire anche le minime variazioni di gusto e gli effetti diversi. Anche se normalmente non ci pensiamo ma l'erba non è una pianta così banale, ogni tipo di infiorescenza ha le sue caratteristiche, aroma, colore, resine e ad altri fattori che evidenziano la qualità del fiore e i suoi livelli di CBD ne indicano l'effetto. Comprare o vendere cannabis CBD o comunemente chiamata cannabis light, può essere un'esperienza non semplice se non si hanno le basi per valutarla, ma ci sono comunque modi per poter iniziare a fare le prime scelte in base ai propri gusti.

1. Usate i sensi


Partendo dalla base la cosa migliore da cui si può iniziare è di usare i vostri sensi.

Il fiore di alta qualità, non importa di cosa sia fatto, deve avere un odore forte e piacevole. I boccioli dovrebbero anche avere un aspetto fresco e sano, con i migliori prodotti che mostrano diversi tipi di colori. La sensazione del bocciolo dovrebbe essere spugnosa, con steli che si spezzano e che non si sbriciolano quando vengono toccati, cosa che potrebbe essere più facile da notare con il fiore di bassa qualità, che non potrebbe apparire così luminoso e potrebbe avere macchie marroni. I fiori di scarsa qualità non dovrebbero avere lo stesso odore di maturità e al tatto dovrebbero essere polverosi o quasi bagnati. 2. Non è solo una questione di livello di CBD

Il miglior tipo di cannabis non è quello con la più alta percentuale di CBD. La cannabis è una pianta complessa, composta da diversi elementi, che hanno tutti un ruolo diverso. Un tipo di cannabis in cui c'è un alto contenuto di CBD non sempre è da considerare di qualità, come per il cibo, nella pianta della cannabis la cosa migliore è se coltivata senza l'utilizzo di fertilizzanti o componenti chimici in modo biologico od organico.

3. Date di raccolta e materiale di imballaggio Mentre la qualità, la consistenza, l'odore e la sensazione della marijuana potrebbero essere difficili da cogliere quando si prova un infiorescenza, ci sono altri fattori che sono più facili da individuare e che indicano se un prodotto è di alta qualità o meno. Le date di raccolta e il confezionamento del prodotto sono importanti. Controllate se possibile le analisi e sempre la data stampata, poiché la marijuana tende a perdere il suo effetto più il tempo passa, perdendo la maggior parte dei suoi terpeni in un periodo di circa sei mesi. Anche il confezionamento è importante, deve evitare che agenti esterni tendano a distruggere i tricomi sulla superficie esterna del fiore.

4. Continuate a provare

In fin dei conti, ciò che conta di più è la vostra esperienza e nel trovare un rivenditore di cbd affidabile. Se trovi il tuo fornitore di fiducia di cannabis legale e sà cosa consigliarti è già un buon inizio, più provate, più potete parlarne con altre persone che sono appassionate al mondo della canapa e che possono darti opinioni e consigli. Esplorate sempre nuovi tipi di infiorescenze e ricordatevi le genetiche di quelle che vi sono piaciute di più.

#CBD #cannabislight #canapalegale #CBD #cannabisCBD #test #profumo #aroma #colore #come #valutare #infiorescenze #quattro #modi #riconoscere #qualità #genetica

13 visualizzazioni